I cinque film che Wes Anderson ha fatto guardare al cast di The French Dispatch

the french dispatch cinematown.it

The French Dispatch verrà distribuito a luglio, ma gli spettatori possono iniziare a prepararsi con i cinque film che il regista ha fatto vedere al cast.


The French Dispatch di Wes Anderson arriverà nei cinema fra quattro mesi, ma gli spettatori possono iniziare a prepararsi ora, guardando i cinque film francesi che il regista ha fatto vedere al cast e alla troupe prima dell’inizio della produzione. Robert Yeoman, direttore della fotografia di lunga data di Anderson, ha condiviso in una dichiarazione che il lavoro di preparazione di Anderson per The French Dispatch includeva “la messa insieme di una vasta biblioteca di DVD, libri e articoli di riviste” che il cast e la troupe dovevano vedere per aiutarsi ad immergere nell’ambientazione del film. Il cast del film comprende Benicio del Toro, Adrien Brody, Tilda Swinton, Léa Seydoux, Frances McDormand, Timothée Chalamet e Bill Murray. Yeoman ha detto che la lista dei film di Anderson includeva il film drammatico di Jean-Luc Godard del 1962 My Life to Live, il film di suspense del 1955 di Henri-Georges Clouzot Diabolique, il film di Clouzot Quay of the Goldsmiths del 1947, Le Plaisir di Max Ophüls e il classico francese del 1959 di Truffaut, I 400 colpi. Anderson cita spesso I 400 colpi come uno dei più grandi film realizzati, e ha affermato:

Questo film in particolare penso sia stato uno dei motivi per cui ho iniziato a pensare che mi sarebbe piaciuto provare a fare film.

Yeoman ha dichiarato che questi cinque film “ci hanno dato tutta la sensazione dei film francesi del periodo, sia tematicamente che stilisticamente” e The French Dispatch segna la settima collaborazione tra Anderson e Yeoman. Il direttore della fotografia ha aggiunto di essere stato attratto dal nuovo film di Anderson a causa della sua narrazione antologica, poichè dà vita a tre storie diverse, tutte incorniciate dallo staff di un avamposto di notizie americano in Francia, che seleziona le storie da ripubblicare sulla loro rivista, come omaggio al loro defunto caporedattore.

“Sono stato immediatamente attratto dalle varie storie, ognuna originale nel suo tono e stile”, ha detto Yeoman. “I personaggi e le situazioni avevano grandi possibilità creative ed ero pronto per un’altra avventura. Lavorare su un film con Wes non si limita solo a ciò che accade sul set, ma ti stai iscrivendo per un’avventura di vita. Che si tratti di una barca in Italia, di un treno in India o di una piccola città in Francia, l’esperienza è completa. Wes ha il suo modo unico di lavorare e spesso sfida tutti noi a pensare fuori dagli schemi. Molte volte descriverà ciò che vuole e penserò ‘sarà davvero difficile’, ma in qualche modo riusciamo sempre a realizzarlo. Il processo di ripresa in sé è raramente facile, ma penso che tutti sentano di essere parte di qualcosa di speciale”.

Searchlight Pictures distribuirà The French Dispatch nelle sale il 24 luglio.

LEGGI ANCHE – The French Dispatch: il trailer del nuovo film di Wes Anderson

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it