Quali sono i film cult di questo periodo cinematografico? Dieci titoli destinati a entrare nella storia

Oggigiorno, i film hanno più potenziale di diventare dei classici, grazie ai social media e ai servizi di streaming sempre più utilizzati.
film cult cinematown.it

Oggigiorno, i film hanno più potenziale di diventare dei classici, grazie ai social media e ai servizi di streaming sempre più utilizzati.


Spesso è difficile prevedere quali film diventeranno dei classici, dato che i film cult emergono per diversi motivi. Alcuni film, come Clerks o Reservoir Dogs, sono emersi tra il pubblico di nicchia, prima di diventare successi mainstream, e altri, come The Rocky Horror Picture Show, hanno sviluppato un impatto culturale attraverso anni di tradizioni uniche. La qualità non è nemmeno un fattore determinante: molti dei film cult più famosi sono nella tradizione di Plan 9 From Outer Space o The Room, in quanto sono così brutti da essere buoni.

Mentre alcuni film diventano immediatamente seguiti da una setta, altri impiegano più tempo a emergere, facendo crescere nuovi fan attraverso il passaparola. Nell’era odierna dei social media e dell’avvento dei servizi di streaming, i film hanno maggiori possibilità di essere visti e riconosciuti per il loro potenziale di culto. Ecco alcuni film recenti che potrebbero diventare dei classici di culto.

PPZ – Pride + Prejudice + Zombies

ppz cinematown.it

Il lavoro dell’autore Seth Grahame-Smith ebbe un grande successo, quindi fu solo una questione di tempo prima che i suoi due romanzi più famosi, Abraham Lincoln: Vampire Hunter e Pride e Prejudice e Zombies, fossero adattati per il grande schermo. Mentre Abraham Lincoln: Vampire Hunter è stato un totale fallimento, Pride and Prejudice and Zombies è stato un colpo sorprendentemente divertente sulla storia romantica vittoriana. È un film che mira a soddisfare sia i fan dei film di zombi che quelli che hanno familiarità con il romanzo originale, e lo rende un esperimento incredibilmente affascinante.

Ciò che è notevole, è che il film non si trasforma mai in una parodia totale di nessuno dei due generi; la storia d’amore centrale tra Elizabeth Bennet (Lily James) e Mr. Darcy (Sam Riley) è sorprendentemente ben sviluppata, e nonostante il rating PG-13, il film è in grado di produrre un universo zombi chiaramente ispirato a The Evil Dead e il lavoro di Sam Raimi. È una strana finzione revisionista con un budget maggiore rispetto alla maggior parte dei film horror di culto, ma Pride and Prejudice and Zombies ha una nicchia così specifica che potrebbe finire per essere oggetto di apprezzamento del culto.

L’arte della difesa personale

arte della difesa personale cinematown.it

Dopo il suo debutto lo scorso anno al SXSW Film Festival, L’arte della difesa personale ha avuto molti confronti con Fight Club, uno dei film cult più famosi di tutti i tempi. Non solo entrambi i film usano una premessa oscuramente umoristica incentrata su un’attività violenta e ritualizzata per esplorare come una persona riservata può essere indottrinata da un leader carismatico, ma entrambi sono in grado di saturare il pensiero di gruppo, la mascolinità tossica e il fascino della violenza. Tuttavia, questo film non è solo un imitatore di Fight Club, ma una commedia dark originale e sorprendentemente elettrizzante.

Jesse Eisenberg interpreta Casey Davies, un contabile tranquillo che cerca un modo per affrontare la sua ansia dopo essere stato attaccato per strada. Casey decide di imparare il karate e subisce l’influenza del carismatico Sensei (Alessandro Nirvola), che incoraggia i suoi studenti ad abbracciare la loro intrinseca mascolinità e portare il loro comportamento aggressivo in tutti gli aspetti della loro vita. I modi idiosincratici in cui Casey porta gli insegnamenti del Sensei nella sua vita sono spesso divertenti, e l’umorismo fuori dal comune rende il film sicuramente un successo tra gli appassionati di film cult.

Billy Lynn – Un giorno da eroe

billy lynn cinematown.it

Billy Lynn – Un giorno da eroe, doveva essere un film rivoluzionario grazie ai suoi progressi tecnologici, che hanno creato un’esperienza immersiva senza precedenti, sebbene proprio l’aspetto visivo unico del film abbia attirato risposte polarizzanti e l’ha portato a diventare uno dei più noti fallimenti al botteghino degli ultimi dieci anni. Solo il tempo ci dirà se la tecnologia utilizzata ripagherà. Oltre all’esclusivo design visivo, Billy Lynn è un film davvero insolito, che sazia la natura dell’eroismo agli occhi dei media e dell’intrattenimento popolare.

Il personaggio principale, interpretato brillantemente da Joe Alwyn, è un giovane veterano della guerra in Iraq che inaspettatamente diventa una sensazione mediatica grazie a un video virale su di lui che salva un compagno in battaglia. Il film offre alcune verità inquiete sulla natura del pensiero ingenuo di Lynn, e il dialogo spesso bizzarro mescolato con elementi visivi iperrealistici, lo rendono uno strano momento nella storia, che potrebbe attirare ulteriore attenzione nel corso degli anni e proprio per questo profuma di film cult.

Come to Daddy

come to daddy cinematown.it

Pochi film recenti sembrano progettati per essere i preferiti di una cerchia ristretta, e uno di questi è Come to Daddy. Questo film ha molti elementi in comune con i film horror di culto, come la capanna nei boschi, e funziona come una combinazione efficace di bizzarri legami familiari, personaggi narcisistici e momenti scioccanti di macabra violenza. È difficile individuare Come to Daddy come un solo genere, poiché racchiude l’essenza di tanti. Elijah Wood interpreta Norval Greenwood, un dirigente musicale egocentrico che arriva in una misteriosa capanna dopo aver sentito suo padre (Stephen McHattie) dopo tanto tempo. Ciò che inizia come un imbarazzante ricongiungimento familiare, si trasforma in un affare molto più violento dopo una svolta sconvolgente di eventi, che costringe Norval a rimanere isolato in questo ambiente solitario. Grazie alla peculiare performance di Wood e a un cupo senso dell’umorismo, Come to Daddy è perfettamente adatto ai fan che apprezzano questo genere.

The Belko Experiment

the belko experiment cinematown.it

The Belko Experiment è un thriller horror che combina la satira della cultura aziendale di Office Space con lo scandaloso conflitto di Battle Royale. La sceneggiatura sovversiva, scritta da James Gunn, segue i dipendenti di Belko Industries mentre sono chiusi in un edificio con l’ordine di uccidere i loro dipendenti, dato da una figura misteriosa. Il caos segue quando questi collaboratori iniziano a dividersi in gruppi e si prendono di mira a vicenda.

Il dialogo è spesso intelligente, e anche se il cast non presenta star di serie A, ha una meravigliosa collezione di attori tra cui Michael Rooker, Tony Goldwyn, Sean Gunn, Josh Brener, John C. McGinley e Brent Sexton, per dirne alcuni. In particolare, John Gallagher Jr. è davvero fenomenale in quanto il protagonista del film Mike Milch, un membro dello staff riservato e rispettato, si ritrova incapace di contenere la violenza che lo circonda. Con scene di morte inventive, strani pezzi di commedia fisica e personaggi memorabili, The Belko Experiment è un’esperienza completamente abrasiva e piacevole.

Amiche di sangue

amiche di sangue cinematown.it

Una commedia oscura che esplora sia il narcisismo suburbano che l’ignoranza adolescenziale, Amiche di sangue è un esperimento intelligente in quanto sa quando frenarsi. Il noto regista di teatro Cory Finley dirige il film con un palcoscenico di precisione, concentrandosi sull’atmosfera degli ambienti e sulla natura metodica delle azioni dei personaggi. Questo approccio rende gli elementi scioccanti ancora più scioccanti.

Lily (Anya Taylor-Joy) e Amanda (Oliva Cooke) non potrebbero essere più diverse, dal momento che Lily è popolare e sicura di avere un futuro di successo, mentre Amanda è fredda ed emotivamente distante. Le due si avvicinano durante una sessione di tutoraggio e decidono di uccidere il patrigno di Lily, Mark (Paul Sparks), tramando un raccapricciante omicidio con l’aiuto dello spacciatore locale Tim (Anton Yelchin). Con performance peculiari delle protagoniste e delle associazioni satiriche tra sobborghi bianchi e sete di sangue, Amiche di sangue dovrebbe adattarsi bene allo sfondo dei film di culto.

Hot Summer Nights

hot summer nights cinematown.it

Hot Summer Nights è una strana fusione di generi. La premessa è quella di un giovane solitario che trova amore e identità durante un’estate selvaggia, ma il film si trasforma in un thriller criminale quando il protagonista Daniel (Timothée Chalamet) viene coinvolto in un giro serio di spacciatori, mentre tenta di perseguire la sua cotta Makayla (Maika Monroe). Il risultato è un film che include il desiderio esistenziale di John Hughes con il sordido mondo della doppia narrativa poliziesca.

È anche un film fuori dal comune in termini di design, in quanto viene utilizzato un dispositivo di inquadratura voiceover da un personaggio secondario (il cui ruolo non è rivelato fino alla fine) e una colonna sonora eclettica che presenta di tutto, da David Bowie a The Zombies. Chalamet interpreta un personaggio così imbarazzante e solitario che sembra una parodia al limite dei cliché dei film per adolescenti, ed è questo strano mix di sincerità e ironia che rende Hot Summer Nights un film così particolare.

7 Sconosciuti a El Royale

el royale film cult cinematown.it

Il primo film di Drew Goddard, Cabin in the Woods, è stato un classico istantaneo, guadagnando l’ammirazione dei fan dell’horror per la decostruzione intelligente di archetipi familiari e punti della trama trovati nei film slasher. Il film follow-up di Goddard non ha ancora raggiunto lo stesso status, poiché soffre ancora dello stigma del suo scarso risultato al botteghino. È davvero un peccato, dato che 7 Sconosciuti a El Royale è un ritorno al passato molto divertente per i thriller, e assorbe tutta la personalità dei suoi anni ’60 e sebbene non abbia ottenuto un successo di massa e di critica, ha tutte le carte in regola per diventare un film cult.

Sei sconosciuti si incontrano nel mitico hotel El Royale al confine tra California e Nevada: l’agente dell’FBI Dwight Broadbeck (Jon Hamm), il ladro Daniel Flynn (Jeff Bridges), l’aspirante cantante Darlene Sweet (Cynthia Erivo), il ragazzo della lobby Miles Miller (Lewis Pullman) e le sorelle hippie Emily (Dakota Johnson) e Rose Summerspring (Cailee Spaney). Hanno tutti segreti e affari in corso mentre aspettano l’arrivo del leader sociopatico Billy Lee (Chris Hemsworth). Piena di commedia oscura, dialoghi divertenti e alcune straordinarie riprese fotografiche che includono uno dei grandi scatti del decennio, 7 Sconosciuti a El Royale è un mashup di genere che merita un apprezzamento dagli appassionati di film cult.

Tron: Legacy

tron: legacy film cult cinematown.it

Il franchise di Tron è molto insolito; il film originale del 1982, pur presentando alcuni effetti visivi degni di nota, ha avuto solo un discreto successo e non ha retto così come altri film di fantascienza degli anni ’80. Nel corso del tempo, Tron è cresciuto in uno stato di culto abbastanza da giustificare un sequel e, ironicamente, Tron: Legacy ha dimostrato di avere solo un discreto successo. Tuttavia, Tron: Legacy non dovrebbe essere considerato un brutto sequel, in quanto il film è uno dei successi esteticamente e visivamente più interessanti del 21° secolo.

Sarebbe impossibile parlare del film senza menzionare l’incredibile colonna sonora dei Daft Punk, che hanno lavorato a fianco degli effetti visivi mozzafiato per creare un futuro techno elettrico e abbagliante. Le sequenze d’azione sono viscerali ed eccitanti e il film funziona bene con la mitologia del film originale, per creare una commovente storia padre-figlio tra Kevin Flynn (Jeff Bridges) e suo figlio Sam (Garrett Hedlund). Se Tron si è rivelato un classico di culto, allora il sequel merita lo stesso status.

Under the Silver Lake

under the silver lake film cult cinematown.it

Il passaggio di Under the Silver Lake nei cinema è stato tumultuoso; dopo aver ricevuto recensioni contrastanti al suo debutto al Festival di Cannes nel maggio 2018, la data di uscita del film a giugno è stata spostata a dicembre, e poi nuovamente ad aprile, dove ha avuto un tempo limitato nei cinema, ed è stato pubblicato contemporaneamente in streaming. Man mano che lo status mitico del film cresceva, i fan diventavano ossessionati dall’analisi degli indizi e dei messaggi alla base del marketing del film, e queste domande continuavano a persistere anche dopo il rilascio del titolo.

Under the Silver Lake è incentrato sui messaggi latenti nella vita di tutti i giorni, e lo spettatore deve sforzarsi per capire se Sam (Andrew Garfield) sta raccogliendo dettagli che nessun altro ha fatto, oppure è completamente pazzo. Il film ha molte trame secondarie che suggeriscono idee più grandi, e gli spettatori continuano a essere divisi sul fatto se il film sia un’ingegnosa satira di ossessione e mascolinità tossica, o uno sforzo sconclusionato e inutile. Ad ogni modo, le visioni estreme su entrambi i lati preparano il terreno per un film cult che continuerà a essere dibattuto per anni.

LEGGI ANCHE: Capone – la recensione del nuovo film con Tom Hardy

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it