Sembra che i sequel non siano solo per i blockbuster d’azione.

Secondo Puck News (e confermato da The Hollywood Reporter), un sequel de “Il diavolo veste Prada” del 2006 è attualmente in fase di sviluppo. Aline Brosh McKenna, sceneggiatrice del film originale, sarà la sceneggiatrice del seguito, che sarà guidato dalla produttrice de “Il diavolo veste Prada” Wendy Finerman. Deadline riporta che anche il regista del film originale, David Frankel, è in trattative per tornare.

Al momento i rapporti indicano che il cast principale del film originale (Meryl Streep, Anne Hathaway ed Emily Blunt) non ha ancora concluso accordi per il ritorno. Tuttavia, i dettagli riportati indicano che la sceneggiatura è stata scritta con l’intento di far tornare almeno la Streep e la Blunt (a breve maggiori informazioni). La Streep è la ragione per cui il film originale è stato realizzato, quindi (pura speculazione), senza di lei probabilmente non ci sarà nessun film questa volta.

“Il diavolo veste Prada” è stato adattato da un romanzo del 2003 di Lauren Weisberger. Va notato che il romanzo ha due sequel, “La vendetta veste Prada: il ritorno del diavolo” e “Quando la vita ti dà i lululemons”. Al momento non è confermato se questo sequel cinematografico li utilizzerà come materiale di partenza.

Il film segue la neolaureata in giornalismo Andy Sachs (Hathaway), che – mentre lotta per entrare nella scena della scrittura di New York – accetta un lavoro come assistente personale di Miranda Priestly (Streep), caporedattrice della rivista di moda Runway. Miranda è davvero un diavolo alla moda, ma il suo rapporto con Andy si trasforma in un contorto rapporto insegnante-allievo. La Weisberger ha lavorato in precedenza come assistente della direttrice di Vogue Anna Wintour e il suo libro è ampiamente considerato un racconto romanzato della sua esperienza. Alla fine Andy non riesce a sopportare i compromessi morali di Miranda e abbandona Runway alla fine del film. Che ne è di questo seguito, che arriva quasi 20 anni dopo?

Puck sostiene che il sequel de “Il diavolo veste Prada” tratterà gli attuali problemi dell’industria editoriale. Miranda è ancora alla guida di Runway, ma la rivista è un guscio di se stessa. In un karmico rovesciamento di fortuna, Miranda si affida alle sponsorizzazioni della sua ex assistente tormentata Emily (Blunt), che ora dirige un marchio di marketing di lusso.

“Il diavolo veste Prada” è stato un successo; dopo tutto, quel titolo deve suscitare il vostro interesse. Nel 2006 ha incassato 326 milioni di dollari (circa 10 volte il suo budget). In seguito ha ricevuto due nomination agli Oscar (Streep per la migliore attrice e Patricia Field per i migliori costumi). Il film ha anche un’eredità duratura. Un adattamento teatrale musicale, interpretato da Vanessa Williams nel ruolo di Miranda, è attualmente in fase di anteprima prima dell’apertura al pubblico il prossimo ottobre. Nel marzo 2024, la Hathaway è stata interpellata in merito a un sequel (e ha risposto che dubitava che sarebbe stato realizzato).

“Il diavolo veste Prada” era un film della 20th Century Fox; lo studio è stato acquisito dalla Disney nel 2019 e il sequel sarà prodotto lì. Data la vorace attitudine della Disney a capitalizzare ogni marchio possibile e il continuo amore per “Il diavolo veste Prada”, un sequel ha senso dal punto di vista commerciale.

Al momento non è stata confermata alcuna data di uscita per il sequel de “Il diavolo veste Prada”.