A meno che Rose McGowan non ritragga le affermazioni rilasciate il 27 Agosto scorso, la collega ed ex amica Asia Argento prenderà delle misure legali contro l’attrice americana, grande sostenitrice del #MeToo Movement.

In un tweet che è stato postato questa mattina, l’Argento ha espresso un “dispiacere genuino” per essere dovuta arrivare a questo punto, proponendo una vera e propria minaccia rivolta alla McGowan. L’obiettivo di Asia Argento è semplice: l’attrice vuole che la McGowan ritragga quanto detto e che si scusi pubblicamente per le sue menzogne entro 24 ore.

I rapporti tra le due si sono ovviamente deteriorati da quando sono apparsi in rete i primi rumor riguardo delle molestie sessuali perpetrate dall’Argento sull’attore Jimmy Bennett nel 2013, quando Bennett aveva solo 17 anni. La dichiarazione della McGowan sull’accaduto, che circolò ampiamente non appena fu pubblicata il 27 agosto, corrispondeva al secondo commento sulla questione.

Nella suddetta dichiarazione, la McGowan ha descritto il rapporto tra lei e l’Argento, ma anche il suo ruolo nell’avvenimento e alcuni dettagli privati che le erano stati confidati dall’attrice italiana. La McGowan ha deciso di non mantenere nessun segreto, nemmeno in nome dell’amicizia tra le due, e ha iniziato a puntare pesantemente il dito contro l’ex amica, precisando che “nessuna molestia sessuale deve essere tollerata“.

Di seguito potete dare un’occhiata al tweet pubblicato in data odierna da Asia Argento, in cui invita la McGowan a scusarsi e a ritrarre le proprie accuse entro un giorno, altrimenti le verrà fatta causa:

Ma è stata la modella Rain Dove la prima a denunciare Asia Argento riguardo le molestie verso Jimmy Bennett. Rain Dove è la compagna dell’ex attrice e attivista Rose McGowan nonché colei che ha diffuso le prove secondo cui Asia Argento avrebbe avuto una relazione con Jimmy Bennett quando lui era ancora minorenne.
Rain Dove è una modella androgina nonché attivista per i diritti LGBT.

Leggi Anche: Asia Argento, l’attrice ha risarcito un minorenne che la accusò di molestie