Venom: la recensione del film con Tom Hardy

Venom Cinematown.it

Un Tom Hardy poco convincente rende il Venom di Fleischer un miscuglio eterogeneo di azione fine a sé stessa e comicità smorzata.


Gli adattamenti cinematografici del personaggio di Venom non sono stati molto clementi con lui fino ad oggi. In terzo piano dietro all’Uomo Sabbia e a New Goblin in Spider-Man 3 di Sam Raimi e appena accennato in sottofondo in The Amazing Spider-Man 2, il simbionte mangia feniletilamina di Todd McFarlane e David Michelinie ha finalmente avuto il suo standalone dopo anni di sordina, anche se – confermando quanto si dice negli ultimi giorni – purtroppo non centra molto bene l’obiettivo di riscattare il personaggio.

Mancando del preziosissimo know-how così ben affinato in Disney, il film di Ruben Fleischer sembra patire la mancanza di una solida base, mischiando a tratti azione di un certo livello ma piuttosto piatta, dei toni da commedia non eccezionali e alcuni elementi divertenti che sperperano così uno dei film più attesi di quest’anno.

La recitazione in Venom è sottotono per le doti di Hardy e Williams

Venom cinematown.it

Il primo tempo di Venom è quasi senza fascino e perfino noioso, viene messo in mostra per davvero troppo tempo un Eddie Brock alle prese con delle difficoltà piuttosto scarna tra fidanzata avvocato, lavoro e interviste allo scienziato Carlton Drake – quest’ultimo alle prese con la messa a punto di esperimenti pericolosi che combinano gli umani a dei simbionti in grado di entrare nel corpo umano tramite osmosi. La narrazione è piuttosto schietta, ma sembra evidente la mancanza di affinità tra Tom Hardy e Michelle Williams, due degli attori più richiesti al mondo.

In Venom, la performance di Hardy sembra irrequieta e paradossalmente non coinvolgente, mentre Williams si diletta in un ruolo più commovente del previsto. Sulla carta, Fleischer sembra adatto a questo tipo di materiale, visti i precedenti con Zombieland, dove ha potuto dare prova della sua abilità nel mescolare risate, sangue e azione, un mix che sembrava ideale per un film su Venom. Eppure, in questo caso, non sembra riuscire a prendere la direzione giusta.

Il risultato di Venom è un film che non sfrutta il suo potenziale

Venom cinematown.it

Nonostante le premesse delle clip rilasciate prima della release di Venom, trovarsi di fronte quelle sequenze inserite nel lungometraggio, in cui il simbionte fracassa militari in mezzo al fumo o se la vede a mani nude con dei veicoli corazzati, risultano dotate di ben poca verve o di spirito e finiscono per risultare sequenze esclusivamente chiassose – senza contare che la commedia non riesce ad attecchire in modo coerente, come nella sequenza del ristorante in cui Eddie se la deve vedere con un’aragosta.

A volte sembra addirittura che la fisicità di Hardy e la mimica facciale di Venom facciano eco ad un altro personaggio noto per la sua verve spericolata e divertente, il The Mask di Jim Carrey, anche se attingere meglio a Stanley Ipkiss avrebbe concesso al film di intonare una nota divertente più coinvolgente, anche se pian piano Eddie fa finalmente i conti con la convivenza forzata col parassita, accennando ad un simpatico alternarsi tra i due.

A conti fatti, Venom è comunque un film che non rappresenta né un successo, ma nemmeno un naufragio come vuole far credere Rotten Tomatoes – o Lady Gaga. È una storia piuttosto mediocre sulle origini di un personaggio pilastro della Marvel, un supereroe alternativo che stenta a legare con la sua controparte aliena. Il che è un peccato, perché per quello che prometteva il progetto e per il suo indubbio grande potenziale, poteva essere qualcosa di molto esplosivo.

  • Regia
  • Sceneggiatura
  • Fotografia
  • Recitazione
  • Colonna sonora
2.6

Riassunto

Venom è comunque un film che non rappresenta né un successo, ma nemmeno un naufragio. È una storia piuttosto mediocre sulle origini di un personaggio pilastro della Marvel, un supereroe alternativo che stenta a legare con la sua controparte aliena. Il che è un peccato, perché per quello che prometteva il progetto e per il suo indubbio grande potenziale, poteva essere qualcosa di molto esplosivo.

Sending
User Review
5 (1 vote)