Il Marvel Cinematic Universe continua ad espandersi. Secondo DEADLINE la Disney sta sviluppando un lungometraggio su Shang-Chi, eroe dell’universo Marvel. Questo personaggio, creato nel 1973, è un eroe estremamente abile nelle arti marziali che nei fumetti fa parte anche degli Avengers.

Chiamato anche “Maestro del Kung-Fu“, questo personaggio è un supereroe cinese figlio del ricco e malvagio Fu Manchu. Addestrato fin da giovane dal padre, la sua abilità nelle arti marziali risulta ineguagliata. Dopo aver scoperto della malvagità del padre però egli diventerà suo nemico. Fu Manchu infatti complottava per lo sterminio della razza bianca, tema che aveva portato alla Marvel di accuse razzismo. Rinnegato il padre Shang-Chi diventerà un agente segreto per i servizi segreti britannici, incontrando una grande moltitudine di eroi Marvel nelle sue avventure.

Secondo il rumor di DEADLINE Dave Callaham, sceneggiatore asioamericano che aveva scritto la sceneggiatura di Wonder Woman 84, scriverà la sceneggiatura del film. Risulta inoltre chiara la volontà della Disney di assoldare un regista di origini asiatiche o asioamericane, mantenendo la linea iniziata con Pantera Nera e Ryan Coogler.

Questo film si aggiunge a svariati film in lavorazione per la Casa delle Idee tra cui abbiamo Vedova Nera, con Cate Shortland alla regia e Scarlett Johansson nel ruolo titolare, Gli Eterni, con Chloe Zhao alla regia, e Guardiani della Galassia 3, tutt’ora senza regista dopo lo scandalo con James Gunn. Non risulta ancora chiaro come questo film entrerà nell’MCU, rimanendo la notizia non confermata dalla Marvel o dalla Disney.

La notizia arriva nel giorno dell’uscita del secondo trailer di Captain Marvel, eroina iconica della Marvel interpretata dall’attrice premio Oscar Brie Larson. Si vocifera inoltre che mercoledì verrà rilasciato il primo trailer di Avengers 4, diretto dai fratelli Russo. Con esso verrà anche rivelato il titolo del film, tutt’ora ignoto.

LEGGI ANCHE: La Warner Bros posticipa “Flash” e “L’Uomo d’Acciaio 2” in favore di “Zatanna”