Game of Thrones: George R.R. Martin annuncia l’esistenza di almeno tre spin-off

game of thrones cinematown.it

Oltre alla preannunciata serie prequel, pare che Game of Thrones avrà altri due spin-off, come rischia di rivelare lo stesso George R.R. Martin.


Anche se la fine dell’epica serie televisiva Game of Thrones sta volgendo al termine – tra il clamore dei fan che hanno sia condannato che elogiato la terza puntata dell’ottava stagione – la saga continuerà con uno o più spin-off della serie madre. Secondo l’autore dei libri da cui l’adattamento è tratto, George R.R. Martin, i fan potrebbero vederne fino a tre diversi. L’autore della saga di A song of ice & fire, su cui si basa la serie di HBO, ha scritto un post sul suo blog, dove cita l’esistenza di tre spin-off che sembrano “procedere piuttosto bene”.

Quello che non dovrei chiamare “The long night” verrà girato più avanti durante il 2019, e altri due prodotti televisivi sono in fase di scrittura e la loro ufficialità si avvicina sempre di più.

Una serie prequel di Game of Thrones, interpretata da Naomi Watts e scritta da Jane Goldman e George R.R. Martin, ha ricevuto l’ordine di un pilota già nel giugno del 2018, ma non si sa ancora molto riguardo ulteriori – e possibili – prodotti spin-off che HBO potrebbe prendere in considerazione. Avendo luogo migliaia di anni prima di Game of Thrones, la serie presule ripercorrerà la discesa del mondo dall’età più florida degli eroi, fino alla sua ora più buia.

Riguardo a ciò, solo una cosa è certa: dagli orripilanti segreti della storia di Westeros alla vera origine dei camminatori bianchi, i misteri dell’Oriente alla leggenda degli Stark, tutto quel che abbiamo visto o sentito in Game of Thrones non è quel che realmente crediamo di conoscere. La produzione di uno spin-off ufficiale della serie è stata dichiarata per la prima volta da HBO nel maggio del 2017, con quattro diversi sceneggiatori all’opera. Bryan Cogman ha comunque confermato che il progetto da lui sondato non avrà futuro. Per ora, HBO si esime dal commentare.

Leggi anche – Il Re della Notte: come Game of Thrones 8 sta rischiando di rovinare un epico villain