Easy Rider compie gli anni: l’eredità di questo cult della beat generation

Easy Rider è una capsula del tempo, quasi considerato come una reliquia, e parte del motivo per cui la sua eredità è così forte, è che il film continua a risuonare con il pubblico ancora oggi.

Easy Rider è considerato come una reliquia, e la sua eredità è così forte poiché il film continua a risuonare con il pubblico ancora oggi.


L’estate del 1969 fu piena di importanti eventi storici, tra cui l’uscita di un certo numero di film che sarebbero entrati nella storia come punti di riferimento culturali, come il film d’esordio di Dennis Hopper, Easy Rider. L’iconico film per motociclisti che vede come protagonisti Hopper, il suo co-sceneggiatore e produttore Peter Fonda e Jack Nicholson. Il cinema americano stava già cambiando al momento dell’uscita di Easy Rider, il 14 luglio 1969, a partire da Bonnie e Clyde due estati prima, e proseguendo con The Graduate, una nuova ondata di film d’autore influenzati da registi stranieri e sperimentali che si occupavano della gioventù e della controcultura negli Stati Uniti, che la produzione tradizionale di Hollywood non riusciva a raggiungere.

Secondo Peter Siskind, che ha scritto il libro sull’epoca, il periodo chiamato New Hollywood è davvero iniziato con Easy Rider prodotto in modo indipendente e estremamente redditizio. Questo è stato il film che ha scioccato di più i dirigenti degli studios, sia a livello creativo che commerciale. Sebbene nulla di simile a Easy Rider abbia avuto così tanto impatto, c’è stata una tendenza continua verso film più piccoli realizzati da nuovi talenti, che fortunatamente hanno ripagato in molti modi.

Uno dei veri giovani outsider che ha tratto grande beneficio dal successo di Easy Rider è stato Jack Nicholson. L’attore aveva già lavorato regolarmente per un decennio, principalmente in film horror a basso budget e film occidentali, ma questo film lo ha portato alle stelle. Nicholson inizialmente non era coinvolto, ma dopo il film ha collaborato nuovamente con il regista e produttore, Bob Rafelson, per recitare in Five Easy Pieces, e da allora è una delle star del cinema più conosciute.

 

easy rider cinematown.it

Inizialmente, Easy Rider avrebbe dovuto avere una colonna sonora eseguita esclusivamente da Crosby, Stills, Nash & Young, simile a quella di The Graduate con le canzoni di Simon & Garfunkel. Ma Hopper li ha respinti per essere troppo fantasiosi, e la produzione ha mantenendo invece le canzoni impiegate durante l’editing del film. Era costoso, occupava una parte enorme del budget e l’uso di musica precedentemente esistente per una colonna sonora era molto raro.

Ma queste canzoni, di artisti tra cui The Band, The Byrds e The Jimi Hendrix Experience, si adattano perfettamente al loro stile, e hanno aiutato l’appeal del film per il pubblico giovane, consentendo allo stesso tempo una redditività extra nelle vendite degli album della colonna sonora. Dopo il suo successo, album di simili colonne sonore diventarono la norma, e il già popolare successo di Steppenwolf, Born to Be Wild, acquisì maggiore familiarità diventando sinonimo di motociclette e scene di film in cui i personaggi escono in autostrada, in cerca di avventura.

Inoltre, è normale pensare che Easy Rider abbia influito sulle vendite di motociclette, in particolare dei chopper Harley Davidson personalizzati. Ma anche se ogni articolo di quegli anni menzionava il film quando si parlava di millennial che compravano motociclette, la realtà era che stavano già aumentando di popolarità negli anni ’60 grazie ad altri film. Easy Rider sembra aver dato solo una breve spinta alle Davidson, ma non una spinta a lungo termine. La sicurezza della motocicletta, d’altra parte, non era un grosso problema prima dell’uscita del film come sarebbe diventata in seguito.

 

easy rider cinematown.it

E’ normale associare la marijuana al film. I personaggi fumano erba per tutto il film e, secondo quanto riferito, era tutto reale. Ma il film inizia con un accordo con la cocaina, e mentre quella non era la vera “pura vida” sullo schermo, il suo presunto effetto avrebbe potuto esserlo. “Il problema della cocaina negli Stati Uniti è in realtà dovuto a me”, dice Hopper. “Non c’era cocaina prima di Easy Rider per strada. Dopo Easy Rider era ovunque”. Secondo il libro Cocaine: An Non Authorized Biography, “Questo non è del tutto vero … tuttavia, c’è sicuramente un merito in esso”. L’autore Dominic Streatfeild afferma che il film è stato abbastanza popolare da dare alla coca la massima visibilità negli ultimi 50 anni. Tuttavia afferma che sono stati i media, in particolare gli articoli di Rolling Stone e Newsweek, a spingere ulteriormente l’attenzione sulla droga su larga scala.

 

easy rider cinematown.it

Un’altra cosa di cui Easy Rider ottiene il merito è la sua influenza sulla cinematografia, in particolare nell’uso del riflesso lente, anche se in precedenza, la norma era fare tutto il possibile per evitare l’abbagliamento e il riflesso dell’obiettivo. Un video del 2016 di Vox dà a Gregg Toland e Citizen Kane il compito di stabilire le abitudini per girare scene a fuoco senza riflesso sull’obiettivo, ed è venuto fuori che era solamente per errore se nei film si vedeva il riflesso.

Il video indica anche il lavoro di Conrad Hall su Cool Hand Luke e The Graduate come esempi a fianco di Easy Rider riguardo l’obiettivo di New Hollywood di abbracciare tali errori e mostrare la libertà di girare nel mondo reale al contrario di una “scatola” degli studios. Inavvertitamente o no, il riflesso dell’obiettivo può essere trovato in tonnellate di film importanti per decenni prima di Easy Rider, allora perché ha ricevuto così tanti riconoscimenti per questo? Il film ha messo così tanto in risalto il talento dell’obiettivo che la gente se ne è davvero accorta. Quindi, Easy Rider è diventato il sinonimo di riflesso sull’obiettivo.

 

easy rider cinematown.it

Sorprendentemente, nessuno pensava di produrre giocattoli Easy Rider, ma è successo. Le bambole Billy e Wyatt con le loro moto sembravano poter vendere bene. Ma ovviamente Easy Rider non è un film per bambini, anche se mirava ad esserlo. Parodie e omaggi al film si possono trovare ovunque, anche nei cartoni animati: il tributo de I Griffin fa un buon lavoro nel deridere la cinematografia dei riflessi sull’obiettivo e le canzoni dei Byrds. Anche Action Bronson ha reso omaggio con un video, per una canzone intitolata Easy Rider, e Joe Flaherty e Dave Thomas si sono dimostrati perfetti nei panni di Fonda e Hopper in uno sketch di SCTV, giusto per citarne alcuni.

Insomma, ci sono omaggi del film e poi ci sono interi film che non esisterebbero senza Easy Rider. In particolare, uno dei film più significativi e apprezzati è stato Lost in America ​​di Albert Brooks. La commedia del 1985 vede la partecipazione di Brooks e Julie Hagerty come una coppia che decide di abbandonare la società e viaggiare attraverso il paese. E qual è l’ispirazione del personaggio di Brooks? Ovviamente Easy Rider. Quando la coppia parte per la prima volta, è addirittura accompagnata dalle note di Born to Be Wild, e anche se stavano guidando una Winnebago al posto delle motociclette, è stato ugualmente divertente.

Lost in America è stato definito l’anti-Easy Rider o la risposta a Easy Rider, e molti fan lo considerano uno pseudo-sequel complementare, come un seguito agli hippy degli anni ’60. Non possiamo davvero pensare a Lost in America come il sequel di Easy Rider, e non solo perché non è autorizzato come tale, ma perché c’è un vero e proprio sequel ufficiale, Easy Rider: The Ride Back del 2012, che è stato legittimamente realizzato da una società che ha preso i diritti per farne un seguito.

Nessuna delle persone che hanno realizzato l’originale ha avuto nulla a che fare con esso e, tecnicamente, è più un prequel che un sequel, ma il film inizia dopo gli eventi di Easy Rider, con il fratello minore del personaggio di Fonda che scopre che il padre sta per morire. Ha ricostruito la motocicletta di suo fratello e indossa la sua iconica giacca, e mentre percorre la strada aperta, racconta la storia della sua famiglia che risale agli anni ’40. Easy Rider: The Ride Back è un film sconosciuto con recensioni negative, ma non è una rarità: tantissimi film classici, molti dei quali dell’era di New Hollywood hanno sequel sconosciuti o dimenticati, è solo che la maggior parte di essi sono stati realizzati dagli stessi studi.

 

easy rider cinematown.it

In un articolo di Hollywood Reporter per il 50° anniversario del film, a Fonda è stato chiesto del suo momento clou, e ha dichiarato “Lo abbiamo fatto esplodere”. Non ha ancora detto cosa significhi esattamente, ma ha aggiunto: “Volevo che fosse enigmatico e applicabile a tutti i tipi di cose. Oggi quando mi viene chiesto se è ancora rilevante, vai a guardare fuori dalla finestra e dimmi se non l’abbiamo fatto saltare”. Questa citazione è tratta da un’intervista alla rivista Parade del 2018: “Le persone spesso mi chiedono, è ancora rilevante oggi? E dico: ‘Beh, guarda fuori dalla finestra e dimmi che non l’abbiamo fatto saltare.’ Quindi sì, è rilevante. I costumi sono in stile hippie e così via, ma quando si tratta solo di me e Hopper sulle moto, non c’è età su quello stile. Solo perché indosso la bandiera sulla schiena non vuol dire che sono nel 1969.”

I fan sfegatati di Easy Rider hanno anche la possibilità di visitare le location del film seguendo la rotta dei personaggi da Los Angeles a New Orleans, ovviamente su una moto, magari noleggiandone una da EagleRider Rentals & Tours, che ha creato un pacchetto di visite guidate per il 50° anniversario di Easy Rider, che si ferma in tutte le località del film lungo il percorso. Alcune scene del film non sono state effettivamente girate durante il viaggio – qualcuna è stata girata a Los Angeles piuttosto che in New Mexico, dato che non era permesso girare lì – e alcuni siti sono stati demoliti, ma è comunque un’imperdibile esperienza da fare. Se non si desidera pagare per il tour guidato, la maggior parte delle località può essere trovata online e, pertanto, si è liberi di creare il proprio itinerario. Easy Rider è una capsula del tempo, alcuni potrebbero persino definirlo una reliquia, ma parte del motivo per cui la sua eredità è così forte, è che il film continua a risuonare con il pubblico ancora oggi.

LEGGI ANCHE – Le Ali della Libertà: analisi del film più amato dagli utenti di IMDB

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it