Il maestro dell’horror John Carpenter riceverà il Golden Coach Award 2019 – ossia la Carrosse d’Or – alla Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes. Carpenter, che ha diretto i grandi classici come Halloween, The fog, Christine e Fuga da New York, riceverà il riconoscimento il 15 maggio, nella serata di apertura della Quinzaine des Réalisateurs a Cannes.

La French Director’s Guild, la quale sceglie il destinatario del Golden Coach, ha definito John Carpenter “un genio in grado di creare emozioni crude, fantastiche e spettacolari allo stesso tempo”. Nella sua lettera al regista, la gilda del Festival di Cannes ha detto che ognuno dei suoi film

esalta l’irresistibile piacere della messa in scena. In ciascuno di essi, il lavoro sullo spazio, su ciò che resta fuori dall’inquadratura, sul visibile e l’invisibile, è costantemente rinnovato e rigenerato per ridefinire il concetto di paura, sempre incline a scatenare emozioni in personaggi e attori che sono diventati iconici

La lettera ha anche descritto Starman, con Jeff Bridges, come uno dei melodrammi più commoventi degli anni ’80. John Carpenter, che ha ora 71 anni, detiene la paternità di numerosi temi musicali cinematografici, che portano la sua firma. La gilda ha infatti affermato che le grandi colonne sonore di Carpenter continuano ad ispirare la scena della musica elettronica francese. I più recenti insigniti del premio sono stati Martin Scorsese, Werner Herzog, Jia Zhangke, Jane Campion e Agnes Varda.

Il padre dell’horror diventa così l’ultimo dei grandi nomi internazionali a cui la Carrosse d’Or è stata assegnata, definendo così John Carpenter come uno dei più grandi cineasti mai vissuti, essendo il premio uno dei più prestigiosi riconoscimenti alla carriera che i festival cinematografici internazionali rilasciano ogni anno. Il recente Halloween, di cui il regista ha curato la colonna sonora e la produzione, è stato un autentico successo di critica, anticonvenzionale per le tendenze che stanno avendo i reboot.

LEGGI ANCHE: Festival di Cannes – Tarantino rischia di non poter presentare il suo ultimo film